Archivio della categoria: roma

Il primo Maggio, ora che è passato.

Oggi son circolate pochissime notizie, è stato un giorno di lunga riflessione sul lavoro, sulla sua assenza e la sua precarietà.
Il pensiero corre anche verso le migliaia di persone che non lavorano e che hanno poco da festeggiare.

Il concertone di Roma prende tanto spazio su tutti i media e i social network. Vederlo da lontano, non sentirne l’eco dalla finestra e non decidere all’ultimo momento se andare o meno è strano.
Lo è ancor di più, ma è una stranezza piacevole, vedere Caparezza che fa ballare una piazza che sembra gremita come l’ho vista poche volte. Anche se dalla tv è sempre difficile intuire quante persone ci siano veramente. Sembra sia stato l’unico che abbia coinvolto tutti i presenti, per gli altri ho visto poca partecipazione, molti problemi audio con le spie e una nauseante regia da video clip.

I video inediti che accompagnavano le canzoni della storia del rock non si sono visti in tv e la formula non sembra aver convinto quasi nessuno.

Inoltre le interruzioni pubblicitarie dettavano il ritmo e se avessero potuto avrebbero anche interrotto le canzoni, ma poco ci mancava.

Purtroppo ho perso Dente e youtube ancora non mi aiuta. Spero di recuperarlo nei prossimi giorni.

I Subsonica sembravano avere meno grinta e non so quanto possa esser colpa dei problemi audio. Ad ogni modo sono passai quasi 15 anni dal primo album che proprio la settimana scorsa avevo ripreso ad ascoltare.

Inoltre, mentre il governo italiano si gioca carte importanti con la spending review e il pdl si offende perchè tacciato di incosciente dal premier che non ha gradito la proposta di non pagare le tasse, il tanto atteso sole parigino ha riacceso la campagna elettorale con la prevedibile presa di posizione di Marine Le Pen per il ballottaggio: nessuna preferenza. Sarkozy tiene uno dei suoi show più riusciti al Trocadero e i cortei di sinistra (PS e Fronte de Gauche) manifestano a sud di Parigi.

Le tre immagini che seguono segnano i tre episodi.

 

 

Luttazzi – ‘Va dove ti porta il clito’

In realtà è andata così:

Ho riso i primi minuti, poi la serie interminabile di freddure condite da volgarità a tratti veramente gratuite hanno iniziato a stancarmi.

Dal riso, son passato al sorriso, per finire alla noia passando per l’indifferenza.

Mi aspettavo qualcosa di più elaborato (passatemi il termine) anche perché ho notato, ancora meglio di come lo si possa fare attraverso la tv,  la sua capacità scenica. Spazialità, posizione del corpo, gestione della voce e canto di notevole caratura.. riesce a trasmettere concetti buffi e stati d’animo con un semplice rapido gesto.

Poste Italiane 1.0 (o 0.1?)

Roma,via Baccarini di un qualsiasi sabato mattina..
Esci di casa e il mondo evoluto del web 2.0 si scontra violentemente con la cruda realtà..
Fila in posta. E come se non bastasse, pagamenti pensioni. Il tutto condito da un disinteresse per tutto ciò che succedere oltre il vetro. L’elargitore di ticket non funziona, nessun avviso lo segnala.. Tutti entrano osservano smarriti la lunga coda ma procedono comunque speranzosi verso il totem. Il risultato che ottengono è sempre uguale: striscia di carta stampata che segnala che la coda per oggi si svolge alla vecchia maniera. Qualcosa mi fa pensare che la causa di tale disservizio non sia la carta termica necessaria a sampare i ticket, ne avrà stampati almeno 50 in mia presenza.
Fila di 40 minuti ideale per poter osservare le evoluzione della nostra infrastruttura postale: da poco sono operatori mobili virtuali e promuovono a tutta forza le loro sim. A tal proposito neanche lo straccio di una tariffa ma solo depliant che illustrano il vantaggio di poter ricaricare la postepay direttamente dal cellulare o controllarne il saldo.
Terminata la coda pago i miei bollettini ma un dubbio mi assale: se passassi il mio numero cellulare a Poste Italiane quando devo chiamare mi devo mettere virtualmente in fila? Che garanzie di servizio mi posson dare coloro i quali non sono in grado neanche di gestire una coda in un ufficio pubblico e di avvisare i clienti di tale disservizio?

Primarie del Partito Democratico

Gli studenti universitari e i lavoratori fuorisede possono votare nella città dove studiano o dove lavorano, iscrivendosi presso l’Ufficio Tecnico Amministrativo Provinciale.

Ma cos’è l’Ufficio Tecnico Amministrativo Provinciale?

I dubbi su come votare fuori sede sono parecchi.
La lista completa degli UTAP è qui.
Info per le liste elettorali di Roma.

3a Edizione di Schmap Rome

La foto qui di seguito è stata scelta per esser inclusa nella terza edizione della guida di Roma di Schmap :)
ROME - VATICANO

[Roma - Arte] La Conversione di S.Paolo

Per pochi giorni (solo fino al 25 novembre) presso la chiesa di S.Maria del Popolo sono esposti in contemporanea le due versioni di questo affresco del Caravaggio. Di una appena restaurata.

Maggiori info qui e qui.